WYSIWYG Web Builder

Proponiamo:
1) Visita del Centro Storico di Mantova:
Il Palazzo Ducale, solo esterni, con piazze, strade e giardini un tempo solo esclusivamente residenza della famiglia Gonzaga ed oggi resi pubblici e fruibili a tutti. Il tour prosegue con le incantevoli piazze della città circondate dai  palazzi adibiti alle antiche amministrazioni: P.zza Sordello, P.zza Broletto, P.zza Erbe con la Rotonda di San Lorenzo (la chiesa più antica della città, ingresso a pagamento) terminando con la basilica dedicata a Sant’Andrea (esterni ed interni), progetto di uno dei più illustri e poliedrici personaggi del primo Rinascimento quale fu L.B. Alberti. Tempo previsto del tour 1,30/2,00 h. ca. In italiano e in  lingue straniere.
2) Visita di Palazzo Ducale
Si tratta dell’immensa residenza ufficiale della famiglia Gonzaga ed ancora prima della famiglia Bonaccolsi. Si estende su 34.000mq. di area e comprende un reticolo di palazzi edificati in tempi diversi e da altrettanti diversi committenti delle due famiglie Bonaccolsi prima e Gonzaga poi tutti collegati tra di loro da più o meno lunghi corridoi, scale, scaloni o piccoli passetti.
Al suo interno affreschi, quadri e arazzi dei più importanti artisti che vanno dalla prima metà del 1400 fino ai primi decenni del 1800. Pisanello, Mantegna, Raffaello (arazzi), Leonbruno, Rubens, Porbus, Fetti ecc.
Tempo previsto per la visita 1,30/2,00 h. ca. In italiano e in  lingue straniere.
3) Visita di Palazzo Te
La “Villa” suburbana è progetto integrale di Giulio Romano. Suo, infatti, è il progetto architettonico, il progetto iconografico decorativo di affreschi e bassorilievi ma anche i disegni per la realizzazione di arredamenti e suppellettili (ora scomparsi).
L’impianto iconografico all’interno della “Villa” ripropone sempre la classicità nel suo aspetto più fantasioso con i racconti mitologici degli dei dell’Olimpo i loro amori, le lotte per il potere, i dissidi ma che parallelamente fanno da spunto e prendono vita con le storie personali della committenza e degli illustri ospiti magnificando alcuni aspetti ed eventi della loro vita reale. Tempo previsto per la visita 1,00/1,30 h. ca. In italiano e in  lingue straniere.
4) Visita di San Benedetto in Polirone Antico monastero benedettino che sorgeva sulla confluenza del Lirone con il Po. terre di proprietà della famiglia Canossa che Matilde, ultima e potente esponente della famiglia, donò ai Santi Pietro e Paolo cioè alla Chiesa di Roma liberandolo dalle ingerenze imperiali ed anche papali (lotte per le investiture) rendendolo di fatto, sulla scia di Cluny, un monastero “libero”. Tempo previsto per la visita 1,30/2,00 h. ca. In italiano e in  lingue straniere.
5) Visita di Sabbioneta
Piccolissima cittadina fatta edificare da Vespasiano Gonzaga Colonna elevata a ducato indipendente grazie agli sforzi politico ed economici del suo signore. E’ un piccolo scrigno che contiene palazzi e giardini, chiese e monumenti in un susseguirsi incalzante di sale affrescate, soffitti lignei magistralmente intagliati in legni pregiatissimi da maestranze locali ma altamente specializzate. In italiano e in  lingue straniere.
6) Visita dell’Alto mantovano
Si tratta di quei territori della provicia di mantova che degradano dolcemente, con le loro colline moreniche, verso il lago di Garda. Luoghi paesaggisticamente straordinari con antichi borghi medioevali, torri, castelli e antiche ville, colline ricoperte da vigneti in una natura dirompente e contemporaneamente rilassante. Sono anche i luoghi delle tre sanguinosissime battaglie d’indipendenza e della creazione della Croce Rossa con Henry Dunant. Tempi per la visita molto variabili secondo il tema scelto e di conseguenza le località. Alla fine di questo tour possibilità di degustazione vini e prodotti mantovani in antiche e accreditatissime cantine produttrici di vini eccellenti. In italiano e in  lingue straniere.
7)  Taylor-made tour
Per  piccoli gruppi che desiderano una maggiore assistenza nell’andare alla scoperta di una Mantova al di fuori dei percorsi tradizionali rivelando strade e vicoli quasi nascosti ma dal grande fascino. Scorci di storia antica come il Rio che attraversa la città tagliandola nettamente in due, quasi completamente coperto dal riassetto urbanistico del XX sec., ma che in alcune sue parti resta scoperto e si mostra al turista con le antiche dimore nobiliari che si specchiano nell’acqua con i loro giardini. Il ”Ghetto” di Mantova con la splendida “casa del Rabbino” e poco più in là la Sinagoga tutt’ora funzionante per la ormai ridotta comunità ebraica mantovana. E ancora negozi dove fare un pò di shopping o scoprire piccole ed esclusive botteghe d’arte, per poi terminare la giornata con una buona cena, degustando le eccellenze della cucina antovana, preceduta da un aperitivo in una delle incantevoli piazze.
Tutto ciò trasforma il viaggio culturale in una esperienza da ricordare assaporando le varie sfumature che nel tempo hanno reso Mantova la grande meta culturale dal Rinascimento ad oggi. In italiano e in  lingue straniere.
8) Trekking
Sulle sponde dei nostri laghi, partendo dal lago Superiore fino a raggiungere Mantova con il suo incantevole e fiabesco profilo che si specchia nel lago Inferiore. Tempi del percorso da stabilire con la guida. In italiano e in  lingue straniere.
9) Tour in bicicletta
Percorsi adatti a chiunque dai meno sportivi con percorsi di pochi Km. fino a percorsi più impegnativi che partendo dalla città consentono, con le belle ciclabili, di raggiungere l’Alto Mantovano, Peschiera, e molto altro. Tempi del percorso variabili secondo la meta scelta. In italiano e in  lingue straniere.